Energia, Offshore

ravenna 21 dicembre 2017

Dalla Giunta regionale via libera al deposito Gnl

Gruppo Pir e Edison saranno i primi in Italia ad investire nel carburante green

21 dicembre 2017 - ravenna - La Giunta regionale ha approvato ieri il rapporto finale ambientale della conferenza Via, in vista della costruzione di un deposito costiero di Gnl nella zona industriale che si affaccia sul porto di Ravenna.
Con questo ulteriore passo avanti, l'importante investimento di Gruppo Pir e Edison (70 milioni) si avvia verso l'approvazione definitiva.

Si tratta del primo centro di stoccaggio che verrà realizzato in Italia. Anche Venezia, Genova, Oristano hanno avviato la progettazione di depositi di Gnl. Importanti gruppi armatoriali come Ms e Cma Cga hanno ordinato ai cantieri cinesi navi da crociera e portacontainer alimentate da gas liquido. Dal 2020 sarà infatti obbligatorio utilizzare per navi (e autotreni) combustibili a basso contenuto di azoto.

"In questi mesi – commenta il direttore generale e amministratore delegato della Pir, Guido Ottolenghi – si è insistito su tre punti. L’aumento del traffico pesante sulla via Baiona, la presunta pericolosità delle bettoline che vanno su e giù per il canale Candiano e la sicurezza dei depositi.
A pieno regime, quindi tra diversi anni, avremo rispetto a oggi un camion in più ogni quarto d’ora, e sia in porto che nel campo del turismo hanno aperto attività che non sono soggette a Via, e dunque non dichiarano il loro impatto sul traffico, ma che generano molti più passaggi sulla via Baiona. Inoltre dobbiamo tenere conto che Pir ha investito nel raccordo ferroviario e ha già sottratto mezzi pesanti dalla stessa strada. La nave per il Gnl avrà una capacità di 27.500 metri cubi di gas e non 70mila come è stato detto. Anche perché ne possiamo stoccare soltanto 20mila… Le bettoline? Se avessimo fatto l’impianto ancora più lontano, come qualcuno chiede, nave e bettoline avrebbero dovuto percorrere un tratto ancora più lungo di Candiano. In ogni caso sono state prese tutte le precauzioni possibili per svolgere ogni manovra in sicurezza assoluta".


© copyright Porto Ravenna News

CONDIVIDI

Altro da:
Energia, Offshore

ravenna / Le imprese del gas scrivono al Mise: "Così moriremo"

Lettera di Nanni (Roca): "Stop al nostro lavoro non ponderato"

ravenna / Confindustria sul gas: "Sbigottiti dal silenzio del governo"

Oltre al blocco estrattivo in atto, preoccupa la Legge Finanziaria

ravenna / Attaccata dai pirati nave Remas della Micoperi

Il mezzo impegnato nell'offshore del Golfo del Messico.Intervista all'Ad Silvio Bartolotti ...

Confetra

Interviste ed Eventi

interviste / Poggiali: “Pesanti disservizi negli uffici periferici dello Stato”

interviste / Belletti: "Va risolta la carenza di organico della sanità marittima"

interviste / D'Agostino (Assoporti): "Nelle AdSP coinvolgere gli enti locali"

interviste / Fagnani (Ass.LL.PP.): "Ecco la via ferrata"

interviste / Rubboli (PRProgress): "Un solo varco crea problemi di sicurezza"

ErmareBperT&CConfartigianato RavennaBanca Popolare di RavennaNadepSfacsCiclatCorship spaMartini VittorioAgmarTramacoCompagnia Portuale RavennaSecomarColumbia TranspostSimapServizi tecnico-nauticiSpedizionieri internazionali RavennaExportcoopCNA ImpreseCassa di Risparmio di RavennaAngopiCNA RavennaambienteLe Navi - SeawaysCasadei GhinassiTCR Consar RavennaSerscz lokoFioreIntercontinentalMacportviamarRomagna AcqueCSR