Confindustria difende l'estrazione di gas in Adriatico

"I costi del non fare sono dannosi per la collettività". Stoccata verso alcuni sindaci

Confindustria difende l
20/03/2018 - RAVENNA - Confindustria Romagna prende posizione in favore dell'attività di ricerca di gas in Adriatico.

"In Romagna - spiega infatti una nota dell'associazione presieduta da Paolo Maggioli - ha sede il più importante distretto nazionale di oil&gas, che da decenni convive con le comunità locali e rappresenta uno dei principali comparti produttivi del territorio: ci sono voluti molti anni e una sentenza del Consiglio di Stato per riaffermare la legittimità delle esplorazioni in Adriatico, e il loro impatto sull’economia e l’occupazione, ricordando come tutta l’attività avvenga nel pieno rispetto delle norme e dell’ambiente in cui è integrata. Siamo certi che il progetto “Bianca e Luisella” non farà eccezione".

Le imprese del settore e dell’indotto, le migliaia di lavoratori e le loro famiglie "hanno già sofferto un blocco delle attività che ha aggravato una pesante crisi congiunturale: spiace, ma è doveroso da parte di Confindustria Romagna, ribadire i quanto i costi del non fare siano dannosi per tutta la collettività, soprattutto quando i “no” arrivano da amministratori della cosa pubblica".



Porto Ravenna News

Sers
CNA Imprese
Banca Popolare di Ravenna
Spedizionieri internazionali Ravenna
Agmar
Corship spa
Le Navi - Seaways
CSR
Coface
Simap
Columbia Transpost
TCR
Ciclat
Secomar
Cassa di Risparmio di Ravenna
Compagnia Portuale Ravenna
Macport
T&C
Confartigianato Ravenna
Martini Vittorio
Avvisatore Marittimo
Tramaco
Consar Ravenna
Exportcoop
Romagna Acque
Intercontinental
Fiore
CNA Ravenna
cmc
Servizi tecnico-nautici
Casadei Ghinassi