Giornata del Mare. Il sindaco annuncia "Ravenna polo di studi europeo di eccellenza sull'economia del mare"

Circa 500 persone hanno partecipato agli eventi

Giornata del Mare. Il sindaco annuncia "Ravenna polo di studi europeo di eccellenza sull
13/04/2018 - RAVENNA - Circa 500 persone hanno preso parte l’11 e 12 aprile agli eventi previsti dal programma della prima edizione della Giornata del Mare, istituita in applicazione del recente rinnovo del Codice della Navigazione.

Gli studenti universitari della Scuola di Giurisprudenza dell’Università di Bologna, sede di Ravenna, e gli studenti del V anno di Logistica dell’ITIS Baldini e dell’Istituto Tecnico Commerciale Ginanni hanno avuto l’opportunità di conoscere il porto di Ravenna navigando lungo il canale Candiano a bordo della motonave Delfinus e con la guida di personale dell’Autorità di Sistema.

L’evento, organizzato dalla Scuola di Giurisprudenza, nell’ambito delle iniziative dedicate alla Giornata del Mare, è stato l’occasione per presentare agli studenti degli istituti superiori il nuovo indirizzo Trasporti, Logistica e Sistemi portuali della laurea triennale in Giurista di impresa e delle amministrazioni pubbliche - Gipa.

Sempre il campus di Ravenna dell’Università di Bologna ha coinvolto anche gli studenti del corso di Diritto della navigazione della Scuola di Giurisprudenza e del Master in Diritto penale dell’impresa e dell’economia in una visita alla Capitaneria di Porto seguita da un incontro con il presidente dell’Autorità di Sistema Daniele Rossi e con il comandante Armando Ruffini che hanno spiegato le funzioni dei due enti e le problematiche relative alla tutela dell’ambiente marino e della sicurezza sul lavoro marittimo e portuale.

Le iniziative dedicate alle scuole hanno poi visto gli studenti del V anno di Logistica dell’Itis compiere una visita all’Antico Porto di Classe.

L’Autorità di Sistema portuale ha ospitato tutti gli eventi a terra di questa prima edizione della Giornata del Mare. A cominciare dall’open day organizzato presso la propria sede con una visita agli uffici e una presentazione del porto di Ravenna.

Per proseguire poi con Port Ravenna Progress e l’incontro “Porto Aperto: chi meglio di Marinando?”. Marinando è un’associazione di volontariato Onlus a favore delle persone affette da disabilità fisica e psichica che realizza un percorso strutturato che, attraverso la valorizzazione delle tradizioni marinare e delle potenzialità del territorio, riesce a declinare solidarietà, cultura, sport e turismo, coinvolgendo anche gli studenti con progetti mirati dedicati alla scuola e a giovani provenienti da centri di recupero.

Nel corso dell’evento sono intervenuti Roberto Rubboli presidente di Port Ravenna Progress, il Comandante in Seconda della Capitaneria di Porto di Ravenna Giambattista Ponzetto, l’assessora del Comune di Ravenna alla pubblica istruzione, università, politiche europee e pari opportunità Ouidad Bakkali, la professoressa di Diritto della Navigazione all’Università di Bologna Campus di Ravenna Greta Tellarini, Sante Ghirardi e Gianluca Casadio dell’Associazione Marinando Ravenna. Significativo anche il racconto di una maestra di scuola elementare che ha riportato l’entusiasmo vissuto dai suoi alunni per il progetto svolto a scuola e la ricchezza e la profondità di un’esperienza che ha trasmesso ai bambini valori etici e sociali importanti.

Due eventi sono stati promossi anche dai circoli velici ravennati. Il Ravenna Yacht Club ha portato in mare gli studenti della V A Chimica dell’Itis Baldini per effettuare la conduzione di una imbarcazione a vela, le andature e le manovre relative alla virata. Il Circolo velico ravennate ha presentato al pubblico la sua storia, le sue attività con i bambini e gli adulti e gli eventi in programmazione.
Ieri pomeriggio, in chiusura di manifestazione, promosso da portoravennanews.com, si è svolto l’incontro dedicato alla logistica sul tema ‘Così viaggiano per il mondo le nostre merci e i nostri multiscafi.

Sono intervenuti Nereo Marcucci, presidente di Confetra (Confederazione nazionale dei trasporti) e Matteo Plazzi, velista di Coppa America. Marcucci ha sottolineato gli importanti provvedimenti adottati dal Governo in materia di logistica con lo snellimento burocratico delle Autorità di sistema portuale, gli investimenti nel settore ferroviario, il Correttivo Porti, per citarne alcuni. Per quanto riguarda il futuro della portualità Marcucci ha rimarcato il ‘gigantismo’ che ha preso piede, sia nelle dimensioni delle navi che nelle fusioni tra grandi player mondiali.

Per questo il porto di Ravenna dovrà sempre più puntare sulla sua specializzazione, che è quella del traffico delle merci alla rinfusa, accanto alla quale combinare altri traffici containerizzati. Matteo Plazzi si è soffermato sull’importanza del lavoro di squadra e sul ruolo della logistica nel trasferimento dei grandi scafi di America’s Cup da una parte all’altra del mondo presentando un materiale fotografico di grande suggestione. All’incontro sono intervenuti il Comandante della Direzione Marittima regionale Pietro Ruberto, il presidente dell’Autorità di Sistema dell’Adriatico centro settentrionale Daniele Rossi, operatori portuali e del trasporto, gli studenti del corso di logistica dell’Itis Baldini, gli universitari del corso di Diritto della Navigazione della Scuola di Giurisprudenza e del Master in Diritto penale dell’impresa e dell’economia.

“La tradizione di mare e il rapporto con la portualità – commenta il sindaco Michele de Pascale - hanno a Ravenna radici profonde che vanno coltivate e valorizzate. In questa direzione, fin da subito, insieme all’assessora all’Università e alla Formazione Ouidad Bakkali, abbiamo lavorato intensamente, con Alma Mater e con l’Istituto tecnico industriale, per fare in modo che la città divenga un polo di eccellenza europea per la formazione negli studi legati all’economia del mare, all’offshore, alla navigazione, ai trasporti, alla logistica, al diritto e all’ambiente attraverso percorsi scolastici e universitari dedicati, per collegarli con più forza alla storia e all'identità del nostro territorio.

Già dal prossimo anno accademico partirà un indirizzo di corso di laurea triennale in Trasporti, logistica e sistemi portuali, a cui seguirà un Master in Diritto marittimo, portuale e della logistica.
Sia nella formazione superiore, con l’Istituto tecnico nautico e con l’Istituto Ginanni (indirizzo logistico-porto), che nella formazione universitaria, con i percorsi avviati insieme ai dipartimenti di Giurisprudenza e Ingegneria, Ravenna avrà la possibilità nei prossimi anni di qualificarsi a livello europeo nella formazione legata all’economia del mare e di poter offrire ai nostri giovani una filiera formativa altamente specializzata rispondente all’offerta occupazionale del nostro territorio”.

La 1° edizione della Giornata del Mare è stata promossa da Comune di Ravenna, Autorità di Sistema Portuale dell’Adriatico centro settentrionale, Capitaneria di porto, Campus di Ravenna dell’Università di Bologna, Fondazione Flaminia, Istituto Ginanni, Istituto ITIS Baldini, Portravennaprogress, Propeller Club, Circolo velico ravennate, Ravenna Yacht Club, portoravennanews.com.


Porto Ravenna News

T&C
Tramaco
Columbia Transpost
Coface
Confartigianato Ravenna
TCR
Fiore
CSR
Romagna Acque
CNA Ravenna
Martini Vittorio
Banca Popolare di Ravenna
Consar Ravenna
Spedizionieri internazionali Ravenna
Corship spa
Compagnia Portuale Ravenna
Sers
Agmar
cmc
Secomar
CNA Imprese
Cassa di Risparmio di Ravenna
Le Navi - Seaways
Casadei Ghinassi
Servizi tecnico-nautici
Intercontinental
Simap
Exportcoop
Macport
Avvisatore Marittimo
Ciclat