Porti

shanghai 31 agosto 2018

La 'preferenza cinese' per l'Alto Adriatico

Mef e Mise a Shanghai per la Via marittima della seta

31 agosto 2018 - shanghai - Mef e Mise sono a Shanghai con l’obiettivo di concretizzare la prospettiva di fare dell'Italia il terminale mediterraneo della nuova ‘Via marittima della Seta’.
Proprio oggi il ministro dell' Economia Giovanni Tria e il sottosegretario allo Sviluppo economico Michele Geraci vedranno importanti ministri cinesi.

Tria ha già avuto di spiegare nel meeting con il direttore esecutivo del Silk Road Fund, Wang Yanzhi, e con i vertici di alcune grandi istituzioni finanziarie, quale potrebbe essere ha un ruolo italiano di rilievo nella Belt & Road Initiative: sviluppare terminali marittimi nei porti del Nord Tirreno e Nord Adriatico, che diventerebbero il punto di approdo più conveniente per i mercati europei.
Il sottosegretario Geraci - dopo incontri con i fondi di investimento – spiega che i cinesi appaiono “interessati soprattutto all' Adriatico, in quanto più vicino e collegato all' area dell' Europa centrale ed orientale”.

“Del resto – scrive oggi il Sole 24 Ore - secondo molti osservatori questa preferenza si è evidenziata dalle mosse cinesi degli ultimi anni, in cui il versante italiano ha stentato a decollare: dalla seconda fase di privatizzazione del Pireo allo sviluppo di infrastrutture di terra nei Balcani occidentali (tanto che il Montenegro è uno dei Paesi sospettati di caricarsi di un indebitamento eccessivo, per via dell' autostrada "cinese" in costruzione dal porto di Bar ai confini con la Serbia). Relativamente minore ma non superficiale è una certa attenzione cinese per il versante tirrenico.

Quanto alle possibili collaborazioni italo-cinesi in Paesi terzi, il sottosegretario rileva che già a livello personale, da docente in Cina (dove si era trasferito nel 2008), ne ha sostenuto l' importanza e urgenza, soprattutto in Africa: un continente che l' Italia e l' intero Occidente hanno un interesse massimo a stabilizzare, mentre è diventato sul piano economico prioritario anche per la Cina. Ne è una ulteriore dimostrazione il Focac (Forum of China-Africa Cooperation), megaevento in cui lunedì e martedì prossimi a ospitare una trentina di leader africani sarà il president Xi Jinping (fresco reduce da un viaggio africano che ha posto le premesse per estendere la Belt & Road fino alla sponda atlantica)”.



© copyright Porto Ravenna News
CONDIVIDI

Altro da:
Porti

ravenna / Celebrati gli anniversari di Capitaneria e Guardia costiera

Cerimonia e convegno molto partecipato con il comandante Ruberto

ravenna / Traffici portuali, maggio torna in negativo

Bene i prodotti metallurgici mentre i cereali perdono il 23%

ravenna / Atene: incontri di Sapir, TCR e AdSP

Il sostegno a Ravenna Festival si traduce anche nella presentazione del porto e in ...

GENOVA

Interviste ed Eventi

interviste / Poggiali: “Pesanti disservizi negli uffici periferici dello Stato”

interviste / Belletti: "Va risolta la carenza di organico della sanità marittima"

interviste / D'Agostino (Assoporti): "Nelle AdSP coinvolgere gli enti locali"

interviste / Fagnani (Ass.LL.PP.): "Ecco la via ferrata"

interviste / Rubboli (PRProgress): "Un solo varco crea problemi di sicurezza"

Compagnia Portuale RavennaExportcoopLe Navi - SeawaysConsar RavennaErmareConfartigianato RavennaTramacoBanca Popolare di RavennaSpedizionieri internazionali RavennaSimapMacportSfacsCasadei GhinassiSersRomagna AcqueServizi tecnico-nauticiColumbia TranspostTCR BperCorship spaCNA ImpreseCiclatAgmarMartini Vittoriocz lokoviamarAngopiCassa di Risparmio di RavennaCNA RavennaFioreIntercontinentalNadepambienteT&CCSRSecomar