Energia, Offshore

ravenna 27 marzo 2019

OMC2019. Nella giornata inaugurale, messaggi chiari al Governo

gli imprenditori ravennati dell'oil&gas hanno consegnato un documento che consentirebbe di superare il blocco delle attività legate al gas attualmente previsto per 18 mesi

27 marzo 2019 - ravenna - Inaugurazione ufficiale questa mattina per l'edizione 2019 di Omc. Occhi puntati sulla presenza del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti, al quale gli imprenditori ravennati dell'oil&gas hanno consegnato un documento che consentirebbe di superare il blocco delle attività legate al gas attualmente previsto per 18 mesi.

“Dagli imprenditori e dai lavoratori di Ravenna incontrati ieri e oggi - è stato il commento di Giorgetti - sono arrivate proposte e suggerimenti che cercherò di portare ai tavoli decisionali con un approccio basato sul buonsenso e sull'equilibrio: è questo l'impegno che sento di prendermi”.
“Buonsenso ed equilibrio - ha aggiunto - che dovrebbero in qualche modo suggerire, sempre, la discussione, l'approfondimento in un settore che fa riferimento esattamente alla sovranità del Paese, perché non si può parlare di sovranità del Paese quando non c'è la sovranità energetica”.
Per Giorgetti “queste sono decisioni politiche a tutto tondo. Perché quando si parla di strategia, quando si parla di energia si deve parlare di politica: che non è la politica dell'oggi ma la politica che guarda al domani nel medio e nel lungo periodo”.
“A Ravenna ho tratto indicazioni utili, ho imparato qualcosa e occorre superare i pregiudizi: perché conoscendo le realtà produttive si capisce il mondo complesso che merita di essere conosciuto”. A proposito di Mediterraneo, Giorgetti ha aggiunto che “per l'Italia è un tema centrale. Il Mediterraneo è tornato strategico sul fronte geopolitico ed energetico ed è quindi indispensabile che non si fermino le iniziative dirette a realizzare le infrastrutture di trasporto del gas che connettono diversi Paesi”.

“Ringrazio di cuore il sottosegretario Giorgetti per essere qui con noi oggi - ha detto il sindaco Michele de Pascale -. La nostra comunità apprezza molto, sa che sulle sue spalle ci sono molte aspettative. Assicuriamo tutto il supporto tecnico e scientifico che questa comunità potrà offrire al Governo dell’Italia per prendere una strada diversa rispetto alle politiche sulle attività estrattive sarà messo da noi a disposizione”. Da OMC, una delle più importanti manifestazioni al mondo sull’energia, “rinnovo l’appello a Governo e Parlamento italiano affinché venga subito abbandonata la strada che si è intrapresa con il Ddl Semplificazioni approvato lo scorso gennaio e affinché si rimetta mano a tutta la normativa che riguarda le attività estrattive, collegando le autorizzazioni esclusivamente ad elementi di valutazione di carattere scientifico e ambientale”.

Questo sia per tutelare il lavoro e l’occupazione in un settore strategico, “ma ancora di più perché alle condizioni attuali una politica energetica nazionale ed europea può essere solo costituita dalla combinazione di investimenti sulle rinnovabili, estrazione di gas naturale italiano e importazione di gas da altri paesi. In Romagna siamo soliti apprezzare quasi di più chi sa correggersi rispetto a chi non sbaglia mai. Chi sa correggersi riceve solo applausi. Aspetto tutti nel 2021 in una sede totalmente nuova grazie alla costruzione in quest’area di una struttura polifunzionale capace di attirare grandi eventi fieristici e manifestazioni internazionali ed estremamente performante dal punto di vista energetico, per la cui realizzazione ringraziamo la Regione, la Camera di commercio e il Governo”.

Di prima mattina Giorgetti aveva incontrato i segretari territoriali di Filctem CGIL, Femca CISL e Uiltec UIL “Le organizzazioni sindacali - spiega una nota - colgono in modo positivo la disponibilità data dall’on. Giorgetti nonostante il poco preavviso, in quanto è stata l’occasione per esprimere le forti preoccupazioni che interessano il settore dell’Oil&Gas e il mondo del lavoro ad esso collegato, particolarmente nel territorio ravennate. E’ fondamentale guidare il processo di transizione verso le energie rinnovabili utilizzando le risorse che il nostro Paese possiede. Il gas, presente nel nostro mare, è di primaria importanza per la strategia energetica nazionale, in quanto complementare alle energie rinnovabili”. I sindacati spiegano che Giorgetti “ha preso atto delle istanze presentate e dato la disponibilità ad aprire un confronto su queste importanti tematiche del mondo del lavoro che riguardano un settore della nostra economia che possiede grandi competenze e che produce ricchezza sia a livello locale sia a quello nazionale”.


Domani la seconda giornata di Omc, molto ricca di appuntamenti.



© copyright Porto Ravenna News
CONDIVIDI

Altro da:
Energia, Offshore

abu dhabi / Rosetti Marino sbarca negli Emirati Arabi

Nuova società con il partner Asmef per crescere sul mercato

ravenna / Le imprese del gas scrivono al Mise: "Così moriremo"

Lettera di Nanni (Roca): "Stop al nostro lavoro non ponderato"

ravenna / Confindustria sul gas: "Sbigottiti dal silenzio del governo"

Oltre al blocco estrattivo in atto, preoccupa la Legge Finanziaria

Confetra

Interviste ed Eventi

interviste / Poggiali: “Pesanti disservizi negli uffici periferici dello Stato”

interviste / Belletti: "Va risolta la carenza di organico della sanità marittima"

interviste / D'Agostino (Assoporti): "Nelle AdSP coinvolgere gli enti locali"

interviste / Fagnani (Ass.LL.PP.): "Ecco la via ferrata"

interviste / Rubboli (PRProgress): "Un solo varco crea problemi di sicurezza"

Confartigianato RavennaT&Ccz lokoExportcoopCasadei GhinassiBperSersErmareviamarLe Navi - SeawaysAngopiServizi tecnico-nauticiCNA RavennaColumbia TranspostSecomarSpedizionieri internazionali RavennaCompagnia Portuale RavennaNadepSfacsCNA ImpreseCSRMacportIntercontinentalSimapFioreTramacoambienteTCR Martini VittorioAgmarCassa di Risparmio di RavennaCiclatRomagna AcqueConsar RavennaCorship spaBanca Popolare di Ravenna