Trasporti, Logistica

ravenna 13 giugno 2020

FERROVIE 2 / De Pascale: "Ponte Teodorico, finalmente partono gli investimenti"

Iniziato lo smantellamento della passerella pedonale, oggi quello delle arcate. I vantaggi per il porto e la città. In totale 74 milioni di lavori

13 giugno 2020 - ravenna - E’ iniziato questa mattina lo smantellamento del Ponte Teodorico, dopo l’apertura del cantiere di lunedì scorso. E’ stata rimossa la passerella pedonale e dal pomeriggio inizia la demolizione delle arcate.
Per completare la rimozione del vecchio ponte, saranno necessari anche i prossimi due week end.

La nostra intervista al sindaco Michele de Pascale.

Sindaco, solo sul versante ferroviario partono lavori per oltre 70 milioni di euro. Si disegna così anche il volto futuro della città, oltre che ottenere il potenziamento del porto?
“Certamente. Si tratta di un investimento strategico, al centro delle priorità. Il nostro porto diventa molto più efficiente sul piano dell’infrastruttura ferroviaria, con due scali merci al servizio del porto ma non solo: è un valore aggiunto per tutto il territorio.
Nell’ottica di una rigenerazione industriale, il porto venne portato dal centro città più vicino al mare, ma non avvenne la stessa cosa con la stazione merci. Ora andiamo a colmare un’incompiuta, che ha pesato molto per tanti decenni. Anche se non dobbiamo dimenticare che quello di Ravenna è comunque il terzo porto italiano per movimentazione di merce via treno. Ora è il momento di rigenerare anche la stazione, in piano centro. A breve faremo partire un bando di gara, per 500 mila euro, per la progettazione del nuovo volto dell’area”.

La mole di investimenti pubblici cade in un momento più che opportuno, anche come incentivo alla ripartenza economica.
“Ci sono gli investimenti pubblici di Adsp per 250 milioni, i 55 di Rfi, i 100 di Anas sulle statali e solo questi ultimi tardano a tramutarsi in cantieri ma sui quali non manchiamo continue sollecitazioni.
Invece, per l'escavo dei fondali siamo ormai alla nomina del raggruppamento di imprese che eseguirà i lavori e per le ferrovie siamo ai cantieri veri e propri.
Ciò che è fondamentale è che sul porto sono pronti anche importanti investimenti privati, come quelli di Sapir nella logistica che includono anche la ferrovia”.

I protocolli sottoscritti da Comune, Regione, AdSP e Rfi prevedono altri due interventi importanti: il by pass ferroviario vicino alle Bassette e il sottopasso di via Canale Molinetto. La tempistica?
“I lavori al bypass sono ripresi da poco, dopo la sospensione per via dell’emergenza sanitaria, e si avviano alla conclusione. I lavori al sottopasso di via Canale Molinetto li faremo nel 2021.
Non potevamo certo aprire il cantiere per la sostituzione di Ponte Teodorico, che durerà fino a dicembre, in contemporanea con il sottopasso. La città si sarebbe bloccata.
Così l’intervento di via Canale Molinetto slitterà al prossimo anno. I lavori per lo spostamento di tutta la stazione merci fuori dal centro, verranno eseguiti nel prossimo mandato.
Devo dire che l’arrivo di Andrea Corsini all’assessorato regionale alle Infrastrutture ha impresso uno slancio agli investimenti”.

Il ministro Franceschini ha proposto di utilizzare i recovery fund per riqualificare la dorsale adriatica e lei ha aggiunto che l’Alta Velocità potrebbe passare da Ravenna attraverso il tracciato Rimini-Cesena-Ravenna-Rovigo-Padova-Venezia. Molti lo hanno definito solo un sogno.
“Gli investimenti ferroviari ripagano sempre. Il potenziamento della Ravenna-Bologna ha portato a un aumento del 30% di traffico. Quella dell’Alta Velocità è una battaglia che va combattuta.
Un sindaco deve saper tenere assieme le sfide di breve periodo con quelle che matureranno negli anni a venire. Però se l’Alta Velocità non la pianifichiamo ora che sono in arrivo importanti investimenti comunitari, quando mai tornerà un’occasione simile? Il compito di un sindaco è anche quello di lasciare progetti che altri porteranno avanti nei vari step”.


(intervista tratta dallo speciale Focus Ferrovie del mensile Porto di Ravenna del 13 giugno 2020 testi e fotografie ©)

INTERVISTA ALL'ASSESSORE REGIONALE A TRASPORTI E INFRASTRUTTURE ANDREA CORSINI


VIDEO DELLA DEMOLIZIONE


© copyright Porto Ravenna News
CONDIVIDI

Altro da:
Trasporti, Logistica

ravenna / Alma Petroli acquisisce l'area industriale Isola 21 04/08/2020

Serena Monghini: "Operazione fondamentale per lo sviluppo". La banchina portuale

genova / Contship, Matthieu Gasselin nuovo AD del Gruppo Sogemar 31/07/2020

Succede a Sebastiano Grasso, che è stato alla guida negli ultimi 20 anni

roma / Raffaella Paita presidente Commissione Trasporti 29/07/2020

Ligure, esponente di Italia Viva, è stata eletta oggi

Interviste ed Eventi

interviste / Fabbri (ITL): “Subito al lavoro sulla ZLS” 21/05/2020

interviste / Licciardi (ANACER): 'Import cereali in tensione per la situazione internazionale e la logistica" 16/03/2020

interviste / Maioli (Dinazzano PO): “Accelerare sul ferrobonus” 15/03/2020

interviste / Rosetti (CONSAR): “Situazione incerta e preoccupante. Contro il Coronavirus serve una regia unica” 14/03/2020

interviste / Corsini (Regione E.R.): “Buone notizie per i 2 scali merci e riprendiamo l’idea della E55" 13/03/2020

Le Navi - SeawaysRomagna AcqueIntercontinentalServizi tecnico-nauticiConsar RavennaTCR ErmareAngopiAcmarCompagnia Portuale RavennaAgmarCassa di Risparmio di RavennaCasadei GhinassiTramacoCSRMartini VittorioBperambientecz lokoCNA RavennaSpedizionieri internazionali RavennaCiclatMacportColumbia TranspostCNA ImpreseT&CviamarFioreSfacsNadepSersGrimaldiExportcoopSecomarConfartigianato RavennaCorship spaSimap