Interviste

ravenna 16 dicembre 2014

Cordone (Agenti): "Meno burocrazia e più logistica”

16 dicembre 2014 - ravenna - Con Carlo Cordone, presidente dell’associazione ravennate degli Agenti marittimi, abbiamo fatto un bilancio dell’attività portuale dell’anno appena concluso e alcune riflessioni sulle priorità per il futuro.

“Il 2014 – dice Cordone – è andato meglio rispetto al 2013. C’è stata una leggera ripresa, ma la crisi si avverte ancora ed è pesante. Ravenna resta un’isola abbastanza felice. In giro vedo società di shipping che chiudono i battenti, anche per le difficoltà che si incontrano nell’accesso al credito. Quello di Ravenna è un porto competitivo dal punto di vista della logistica e della velocità di imbarco e sbarco.

A Venezia i cereali vengono sbarcati in 7 giorni, da noi si impiega metà tempo. Anche i costi sono più contenuti. Solo Koper ci fa concorrenza. Prendiamo ad esempio il traffico di travi. Prima questo prodotto arrivava a Ravenna. Ora gli operatori trovano più conveniente sbarcare a Koper per poi portare queste travi in Emilia dove vengono lavorate. Questa concorrenzialità è dovuta certamente allo sviluppo dei collegamenti ferroviari, che da noi invece sono ancora carenti”.

“Come più volte ribadito, per la nostra categoria, i lavori di escavo del Canale, che finalmente da qualche mese sono partiti, sono di importanza strategica oltre che per lo sviluppo dei traffici, anche per il mantenimento degli stessi.

Per questo è fondamentale che vengano sempre mantenute le normali condizioni di navigabilità nell’asta del canale, soprattutto tramite interventi di ordinaria manutenzione, così da evitare che ogni problematica diventi un’ emergenza.

Altro nostro auspicio, con l’ormai prossima completa attivazione del Sistema Informatico PMIS 2 per le pratiche con la Capitaneria di Porto, è l’interscambio tra tale sistema e il PCS, che ottimizzerebbe la nostra operatività evitando inutili reiterazioni nello svolgimento delle medesime pratiche. La sburocratizzazione e gli investimenti nella logistica sono le due priorità del 2015. Prima a fare logistica pura erano soltanto le navi portacontainer, ora la fanno anche quelle che portano rinfuse”.


© copyright Porto Ravenna News
CONDIVIDI

Interviste ed Eventi

interviste / Poggiali: “Pesanti disservizi negli uffici periferici dello Stato”

interviste / Belletti: "Va risolta la carenza di organico della sanità marittima"

interviste / D'Agostino (Assoporti): "Nelle AdSP coinvolgere gli enti locali"

interviste / Fagnani (Ass.LL.PP.): "Ecco la via ferrata"

interviste / Rubboli (PRProgress): "Un solo varco crea problemi di sicurezza"

CONFETRA RAVENNA 14 OTTOBRE
Consar RavennaambienteTCR SecomarTramacoSpedizionieri internazionali RavennaIntercontinentalCiclatSersBperSfacsCompagnia Portuale RavennaNadepCasadei GhinassiAgmarviamarCNA RavennaConfartigianato RavennaBanca Popolare di RavennaFioreColumbia TranspostCassa di Risparmio di RavennaSimapT&CCNA ImpreseErmareAngopiCorship spacz lokoExportcoopLe Navi - SeawaysCSRMacportRomagna AcqueServizi tecnico-nauticiMartini Vittorio