ENI Cafè

Interviste

ravenna 16 febbraio 2021

Mingozzi: ““Occorre eliminare la ‘spiaggetta’ per far entrare navi con maggior pescaggio”

16 febbraio 2021 - ravenna - Il trend dei container nel porto di Ravenna. Ne abbiamo parlato con il presidente del Tcr, Giannantonio Mingozzi

L'avvio del 2021 lascia ben sperare per una ripresa positiva al Terminal Container Ravenna
oppure la pandemia continua a provocare rallentamenti e calo di movimentazione?

“Si può dire che oggi entrambi i fattori producano i propri effetti: abbiamo chiuso un buon gennaio e questo fa ben sperare; ma una piena ripresa economica e produttiva del Paese Italia ancora non c'è, cosi come tutta l'Europa e buona parte del mondo stentano a guadagnare quei livelli pre-Covid che influenzano positivamente anche un Terminal container come il nostro. Quindi non possiamo ancora parlare di ripresa, tant'è che anche in questi primi mesi siamo costretti a mantenere il ricorso alla Cassa Integrazione per parte dei nostri dipendenti.
Si tratta di un momento particolare, certo, a suo modo eccezionale che colpisce tutti i porti, ma proprio per questo ci prepariamo ad essere sempre più competitivi a fronte dei nostri mercati tradizionali, i Paesi del Mediterraneo in particolare, il nordeuropa e tutto il settore agroalimentare e industriale emiliano romagnolo e non solo. Ci ha fatto piacere la recente visita del presidente Bonaccini al nostro Terminal e, come gli abbiamo ribadito vogliamo essere a tutti gli effetti il Porto dell'Emilia-Romagna, con il pieno sostegno dei nostri azionisti SAPIR e CONTSHIP per i notevoli investimenti effettuati in questi ultimi anni.

Produttività e concorrenza sono determinati anche dai lavori previsti per il nuovo hub portuale di Ravenna e dal miglioramento della rete infrastrutturale al servizio del porto, le ultime novità sono positive?
“Ne siamo ben consapevoli e pensiamo che il lavoro e l'impegno della nostra Autorità Portuale e del suo presidente appena riconfermato ci aiutino a guardare con fiducia i prossimi mesi, per i lavori di approfondimento dei fondali, nuove banchine e gli investimenti in Trattaroli che concernono anche la realizzazione di un nuovo Terminal Container; l'asta del canale con i fondali a 12,50 metri sarà un primo e imminente risultato. Mi permetto di ricordare anche quanto sia importante per TCR la rimozione della cosiddetta "spiaggetta" di fronte alle nostre banchine, e confidiamo che l'Autorità Portuale possa intervenire al più presto al fine di poter ospitare nelle nostre banchine navi con maggiore pescaggio rispetto all'attuale, recuperando parzialmente competitività rispetto ai porti concorrenti”.

Regione e Governo si dimostrano impegnati anche per strade e ferrovie, un problema ormai annoso per l'economia del porto. Questo può portare a nuovi investimenti in logistica?
“Intanto spero che la nuova squadra del presidente Draghi mantenga gli impegni sul tratto Ravenna-Mestre della nuova E55 e sugli interventi concordati con Comune, Regione e Ferrovie dello Stato per i nuovi sottopassi e le bretelle ferroviarie molto utili a raggiungere su ferro, via Milano, aree europee di grande interesse commerciale. Mi permetto solo di esprimere qualche perplessità, almeno per l'attività del nostro porto, sulla nuova Pontremolese inserita in un nuovo DPCM tra le opere italiane più strategiche: capisco che possa essere utile al corridoio Tirreno-Brennero ma ho paura che finisca per sostenere la sola competitività dei porti liguri; per competere alla pari è necessario il raddoppio, per esempio delle linee ferroviarie che ci collegano a Bologna.

Confetra ha espresso preoccupazione per le nuove disposizioni tributarie in materia di smaltimento rifiuti, possono incidere anche sui costi della logistica nel porto di Ravenna?
Prendiamo lo smaltimento degli imballaggi, i rifiuti che più attengono alla catena logistica: a quanto pare il Decreto del settembre scorso accolla tutte le competenze in capo ai Comuni, classificando gli imballaggi stessi come rifiuti urbani e quindi con un notevole aggravio di costi sulla Tari. Non mi pare un provvedimento utile per chi vuole investire in logistica portuale a Ravenna.



© copyright Porto Ravenna News
CONDIVIDI

Interviste ed Eventi

interviste / Il comandante Sciarrone lascia Ravenna. Arriva Francesco Cimmino comandante a Savona

Il comandante Sciarrone lascia Ravenna. Arriva Francesco Cimmino comandante a Savona

interviste / Belletti: «Il futuro degli spedizionieri? A breve capiremo se serviranno aggregazioni, spinta digitale o altro»

Belletti: «Il futuro degli spedizionieri? A breve capiremo se serviranno aggregazioni, spinta digitale o altro»

interviste / Bissi: “Lampade Led nelle torri faro per risparmiare energia. Il 2021 vede Grimaldi in aumento del 14,20%

Bissi: “Lampade Led nelle torri faro per risparmiare energia. Il 2021 vede Grimaldi in aumento del 14,20%

interviste / Rosetti: “Prendiamo spunto dalla crisi energetica per riformare l'autotrasporto in tre punti”

Rosetti: “Prendiamo spunto dalla crisi energetica per riformare l'autotrasporto in tre punti”

interviste / Grimaldi: «Nave imponente e a zero emissioni in porto grazie a batterie al litio e pannelli solari»

Grimaldi: «Nave imponente e a zero emissioni in porto grazie a batterie al litio e pannelli solari»

IntercontinentaldragaggiSimapFedepilotiCassa di Risparmio di RavennaCorship spaSfacsCSRAngopiConfcommercio RavennaSecomarColumbia TranspostLe Navi - SeawaysCompagnia Portuale RavennaSagemVianelloSpedizionieri internazionali RavennaCasadei GhinassiConsar RavennaTramacoBperServizi tecnico-nauticiAcmarGrimaldiTCR OlympiaExportcoopMartini VittorioCiclatAgmarConfartigianato RavennaNadepT&CviamarFioreMacportItalmetSersCNA partiArco LavoriRomagna Acquecz loko