Banchina danneggiata dal traghetto, 3 milioni per ripararla

L'incidente cinque anni fa. Lavori conclusi entro la prossima estate

Banchina danneggiata dal traghetto, 3 milioni per ripararla
13/07/2018 - Costerà tre milioni di euro l'intervento per ripristinare la banchina del Candiano, lato Porto Corsini, danneggiata cinque anni fa dal traghetto della linea Ravenna-Catania. I lavori dovrebbero concludersi entro la prossima estate. Lo rende noto l'Autorità di sistema portuale ravennate.

"Abbiamo completato l’aggiornamento del progetto definitivo per la sistemazione dell’area dell’ex-attracco del traghetto a Porto Corsini" scrive l'Adsp al Comitato cittadino Lidi Nord. "L’Adsp ha impiegato più tempo del previsto perché il progetto non si limita alla sola riparazione del danno" ma prevede anche la riqualificazione di quel tratto di via Molo San Filippo in coerenza con quanto già fatto più a monte.

Il progetto aggiornato prevede significativi maggiori interventi rispetto a quelli strettamente necessari per il ripristino del danno, ha un importo lavori da mettere a gara di circa 3 milioni di euro. L’intervento prevede la realizzazione di una protezione di sponda in allineamento con il profilo esistente, nonché la demolizione delle vecchie strutture sul canale ai fini di migliorare anche la sicurezza della navigazione, così come richiesto dalla Capitaneria di Porto. L’Adsp provvederà quanto prima ad avviare la relativa procedura di gara per l’appalto delle opere, per le quali è stato stimato un tempo di esecuzione di 270 giorni, al fine di poter auspicabilmente concludere i lavori prima dell’estate prossima.

Porto Ravenna News

Coface
Macport
Spedizionieri internazionali Ravenna
T&C
Exportcoop
CNA Ravenna
Ciclat
Compagnia Portuale Ravenna
Cassa di Risparmio di Ravenna
Servizi tecnico-nautici
Casadei Ghinassi
Romagna Acque
CNA Imprese
Secomar
Le Navi - Seaways
Sers
Banca Popolare di Ravenna
Avvisatore Marittimo
Simap
cmc
Fiore
TCR
Columbia Transpost
Consar Ravenna
Corship spa
Confartigianato Ravenna
Intercontinental
Martini Vittorio
CSR
Tramaco
Agmar