Agroalimentare e coils trainano il porto

I primi nove mesi si chiudono leggermente in attivo. Crollo delle crociere

Agroalimentare e coils trainano il porto
06/11/2018 - RAVENNA - La movimentazione dei primi nove mesi del 2018 è stata pari a 19.732.646 tonnellate di merce, lo 0,6% in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.
Gli sbarchi e gli imbarchi sono stati, rispettivamente, pari a 16.887.329 tonnellate (+1,5%) e 2.845.317 tonnellate (-4,1%).

Dai condizionamenti delle merci si può osservare che le merci secche, 13.217.433 tonnellate, hanno segnato un aumento dell’1,6%, le rinfuse liquide hanno fatto registrare un incremento pari al 3,5%, mentre per le merci unitizzate, quelle in container risultano in diminuzione del 5,3%, mentre quelle su rotabili segnano un -7,7%.

Un risultato molto positivo, registrato sin dai primi mesi dell’anno, è da attribuire al comparto agroalimentare (derrate alimentari solide e prodotti agricoli), con oltre 3 milioni di tonnellate di merce ed un incremento del 10,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Questo grazie ai quantitativi delle importazioni di prodotti agricoli, in particolare di frumento, pari a oltre 770 mila tonnellate e 221 mila tonnellate in più (+40,4%) e di granoturco, pari a 659 mila tonnellate e 188 mila tonnellate in più (+39,8%).

Anche secondo i dati diffusi da Anacer (Associazione Nazionale Cerealisti), relativi però al periodo gennaio-luglio 2018, le importazioni in Italia nel settore dei cereali, semi oleosi e farine proteiche sono aumentate rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente sia nelle quantità (+409.000 tonnellate, +3,5%) che nei valori (+28,2 milioni di Euro, +0,9%). Più nel dettaglio, nel comparto dei cereali in granella si registra un aumento complessivo di 209.000 tonnellate (+2,7%), dato dall’incremento degli arrivi di grano tenero (+336.200 tonnellate) e mais (+106.000 tonnellate) e dalla riduzione del grano duro (-150.400 t), dell’orzo (-71.500 t) e degli altri cereali (-10.500 tonnellate), mentre l’import di semi oleosi aumenta di 78.000 tonnellate (+6,5%), quello di farine proteiche di 23.500 tonnellate (+1,4%).

Buono il dato dei prodotti metallurgici che hanno registrato una movimentazione di 4.947.800 tonnellate e una crescita del 3,1%; le principali provenienze sono state Taranto (21,5%), la Turchia (16,6%), la Germania (11,3%) e la Corea del Sud (9,2%).

I materiali da costruzione hanno registrato una movimentazione di 3.834.858 tonnellate ed una diminuzione del 6,9%, dovuta al calo delle materie prime per la produzione di ceramiche del distretto di Sassuolo che sono state pari a 3.335.138 milioni di tonnellate (-6,7%).
Per quanto riguarda le rinfuse liquide, si è registrata una crescita per le derrate alimentari, pari all’8,9%, grazie in particolare agli oli vegetali (+16,9%), provenienti perlopiù dall’Indonesia e dall’Ucraina; in aumento i prodotti petroliferi (2,9%) e in calo, invece, i prodotti chimici (-1,1%).

Per i container il risultato è stato di 162.351 TEUs, 5.491 in meno rispetto allo scorso anno (-3,3%); in calo del 3,5% i pieni e del 2,5% i vuoti.
Il numero dei trailer è stato pari a 51.119 unità (-1,2%).
Al terminal crociere hanno attraccato 27 navi con 15.795 passeggeri, contro le 39 toccate e i 40.896 passeggeri dello scorso anno.



Porto Ravenna News

Corship spa
Servizi tecnico-nautici
Confartigianato Ravenna
Ciclat
CNA Imprese
Consar Ravenna
Casadei Ghinassi
Le Navi - Seaways
Spedizionieri internazionali Ravenna
Simap
T&C
Fiore
Sers
Coface
cmc
Columbia Transpost
Martini Vittorio
Exportcoop
Cassa di Risparmio di Ravenna
CSR
Intercontinental
Avvisatore Marittimo
Banca Popolare di Ravenna
CNA Ravenna
Secomar
Agmar
Macport
Compagnia Portuale Ravenna
Tramaco
Romagna Acque
TCR