Porti

venezia 13 febbraio 2020

Porto, imprese e lavoratori in piazza

Manifestazione contro la burocrazia e l'indecisione: non si scava e non ci sono scelte sulle crociere. Intervista a Pino Musolino, presidente dell'AdSP

13 febbraio 2020 - venezia - Manifestazione di protesta, a Venezia, a sostegno del porto. La burocrazia e le mancate scelte impediscono la manutenzione dei canali e una decisione finale sul transito delle navi da crociera.

Non si tratta di una sollevazione popolare - ha detto in apertura dell'evento, Alessandro Santi, presidente degli agenti marittimi veneti e noto imprenditore con la Sagem - ma certo di un’inversione di rotta: per la prima volta tutte le principali associazioni imprenditoriali e le organizzazioni rappresentative del lavoro si sono unite per lanciare un messaggio inequivocabile: “E se rovesciamo Venezia?”, è indicativo della volontà di rovesciare il tradizionale punto di vista verso la città, la sua laguna e il territorio. Vorremmo cambiare lo sterile approccio alle problematiche, ma specialmente alle prospettive di Venezia, consentendo di tracciare una rotta nuova che, dal passato, traghetti la città e il territorio verso un futuro. Venezia è patrimonio del mondo, ma, specialmente, crediamo che lo sia di chi ci vive e lavora, cresce la sua famiglia, produce reddito e paga le tasse, il tutto nel rispetto di norme e leggi.

E il primo frutto di questa “alleanza” veneziana è la difesa a spada tratta del ruolo storico di Venezia in quanto città-porto, una città che, per storia, tradizione, cultura e forza economica e occupazionale attuale non può e non potrà mai prescindere dall’esistenza di un porto e dal suo ruolo sulle rotte internazionali.

Di qui la scelta attuata da tutti i vertici delle associazioni imprenditoriali e sindacali, e patrocinata dall’associazione Agenti Marittimi, di sottoscrivere un “manifesto” destinato a dettare regole e strategia nel rispetto della sostenibilità per il futuro della città e del suo porto".

Il presidente dell'AdSP del mare Adriatico settentrionale, Pino Musolino: "Chiediamo di lavorare. Mi sembra un desiderio molto semplice. Sappiamo farlo, rispettando la sostenibilità. Se il porto di Venezia non funziona, ci rimetterà tutta  l'economia del Nord Est".

Clicca qui per l'intervista a Pino Musolino.

In prima fila i massimi livelli di Confetra: il presidente e il vicepresidente Guido Nicolini e Silvia Moretto.


© copyright Porto Ravenna News
CONDIVIDI

Altro da:
Porti

ravenna / Porto, due le offerte per l'escavo dei fondali

Scaduti alle 13 i termini per partecipare al bando da 235 milioni

bologna / E' Corsini l'assessore regionale a Infrastrutture e porto

Al ravennate l'assessorato più 'pesante' della giunta Bonaccini

venezia / Imprese, lavoro, Istituzioni: "No all’omicidio del porto"

Grande successo della chiamata alle armi da parte di Agenti marittimi e Federagenti. ...

REM 2020

Interviste ed Eventi

interviste / Ottolenghi (Confindustria): “L'aumento dell'Ires del 3,5% avvilisce le categorie interessate”

interviste / Nicolini (Confetra): "Agorà 2019 con il ministro De Micheli"

interviste / Maioli (Dinazzano Po): “Ferrobonus, il contributo che rilancia il treno”

interviste / Masucci: “Con il Fondo F2i pronti a rafforzare il sistema delle infrastrutture portuali”

interviste / Mazzotti (LegaCoop): “Gara d'appalto Progetto Hub, le nostre Coop pronte a partecipare”

viamarAngopiTCR SersBperCiclatSimapNadepCassa di Risparmio di RavennaExportcoopErmareTramacoCasadei GhinassiConsar RavennaCorship spaColumbia TranspostConfartigianato RavennaCompagnia Portuale Ravennacz lokoAgmarT&CLe Navi - SeawaysFioreServizi tecnico-nauticiRomagna AcqueMacportMartini VittorioBanca Popolare di RavennaCNA ImpreseIntercontinentalCSRambienteSfacsCNA RavennaSpedizionieri internazionali RavennaSecomar