Eni Grande

Porti

ravenna 24 settembre 2020

Si intensificano i controlli sul lavoro al porto

Vertice in prefettura, nel mirino gli infortuni sul lavoro ma anche la regolarità di certe retribuzioni

24 settembre 2020 - ravenna - “La nostra è una città da sempre attenta alle tematiche collegate alla sicurezza sul lavoro, in particolare legalità e sicurezza nel settore portuale rappresentano una emergenza a cui dare il massimo della nostra attenzione”.

Così il sindaco Michele de Pascale commenta l’esito dell’incontro in prefettura di mercoledì mattina dal quale è emerso il lavoro in ambito portuale va particolarmente ‘monitorato’ per via degli ultimi infortuni e per verificare la correttezza dei rapporti contrattuali con chi vi opera. “Ringrazio il prefetto Caterino – aggiunge il sindaco - per aver accolto la mia richiesta di costituire un tavolo permanente in Prefettura allargando le competenze del tavolo sul Caporalato. Questo impegno risponde anche ad un ordine del giorno votato all’unanimità dal Consiglio comunale di Ravenna”.

All’incontro hanno preso parte tutte le componenti invitate, dai sindaci alle Forze dell’ordine ai massimi livelli, dall’Ausl all’Ispettorato del lavoro, dai sindacati alle associazioni di categoria. Il prefetto ha ribadito come “il fenomeno del lavoro irregolare venga costantemente seguito e come sia incessante l’attività di contrasto svolta in sinergia tra le forze dell’ordine, l’Ispettorato del lavoro e l’Ausl”.

Ora, però, preoccupa particolarmente la “difficile situazione economica”, che potrebbe peggiorare nei prossimi mesi, creando i presupposti per mettere in discussione la regolarità del lavoro. Nelle prossime settimane si terranno incontri per i singoli settori perché “le diverse realtà lavorative (ambito portuale, agricoltura, settore turistico-alberghiero, settore logistico etc.) presentano problematiche molto differenziate fra loro, così come risultano diversi i campi di applicazione della normativa di riferimento. In questa sede verranno verificate le situazioni di criticità eventualmente rilevate e valutare le possibili azioni di contrasto”.


© copyright Porto Ravenna News
CONDIVIDI

Altro da:
Porti

ravenna / Settembre contiene le perdite di traffici al 3,2% 30/10/2020

Cereali ancora male, riprende la la materia prima per le ceramiche

ravenna / Maggioli: "Sulle infrastrutture ok, ma vigiliamo" 29/10/2020

L'assemblea di Confindustria con Bonaccini e Bonomi

milano / Contship: "Ingenti investimenti su La Spezia. Su Tcr: sviluppare il terminal" 29/10/2020

I programmi del gruppo controllato dalla holding Eurokai

Interviste ed Eventi

interviste / Fabbri (ITL): “Subito al lavoro sulla ZLS” 21/05/2020

interviste / Licciardi (ANACER): 'Import cereali in tensione per la situazione internazionale e la logistica" 16/03/2020

interviste / Maioli (Dinazzano PO): “Accelerare sul ferrobonus” 15/03/2020

interviste / Rosetti (CONSAR): “Situazione incerta e preoccupante. Contro il Coronavirus serve una regia unica” 14/03/2020

interviste / Corsini (Regione E.R.): “Buone notizie per i 2 scali merci e riprendiamo l’idea della E55" 13/03/2020

Corship spaMartini Vittoriocz lokoSersCNA RavennaAcmarRomagna AcqueGRIMALDIAgmarambienteviamarCSRLe Navi - SeawaysCompagnia Portuale RavennaServizi tecnico-nauticiMacportExportcoopSfacsTCR Casadei GhinassiSecomarCassa di Risparmio di RavennaErmareColumbia TranspostFioreBperSimapConsar RavennaT&CCiclatCNA ImpreseIntercontinentalSpedizionieri internazionali RavennaTramacoAngopiNadepConfartigianato Ravenna