Da energie diverse un

Interviste

ravenna 04 ottobre 2022

Licciardi (Anacer). Con l’apertura dei corridoi marittimi riprenderanno gli sbarchi di cereali ucraini

04 ottobre 2022 - ravenna - Sono in partenza dall’Ucraina le prime navi cariche di cereali frutto dell’intesa tra Mosca e Kiev con la regia delle Nazioni Unite. I russi hanno continuato a bombardare in particolare lo scalo marittimo di Odessa, ma l’accordo dovrebbe decollare entro luglio. Cosa significa per i mercati internazionali poter contare nuovamente su grano e mais ucraino dopo 6 mesi di stop per via della guerra?  

Lo abbiamo chiesto a Carlo Licciardi, presidente di Anacer, l’associazione nazionale dei cerealisti. 

“È certamente una notizia importante, perché si sblocca uno dei principali bacini produttivi europei alle prese con la guerra e in un momento in cui la siccità concorre a limitare i raccolti di mais in Italia e in altri Paesi dell’Europa centrale”.

 

Anche il porto di Ravenna sarà interessato dalla ripartenza dell’export cerealicolo ucraino?

“Non immediatamente, ma nel medio termine sicuramente. I trasporti ferroviari hanno una forte limitazione tecnica per la incompatibilità delle linee ucraine e di quelle esterne. Quindi, è fuori discussione che arriveranno navi di cereali anche a Ravenna. Teniamo conto che la siccità sta provocando un calo produttivo del mais e quindi la mancata raccolta dovrà essere compensata da un maggior import”. 

 

Prima dello sblocco dei corridoi marittimi, come vi siete regolati?

“Il conflitto in Ucraina stava impedendo a 25 milioni di tonnellate di cereali di venire immesse sul mercato internazionale, con forti impatti economici, a partire dal rialzo dei prezzi, e sociali soprattutto nel continente africano. Con il blocco dei mercati ucraino e russo, dai quali comunque l’Italia non è dipendente, abbiamo aumentato le importazioni da Francia, Germania, Ungheria e Romania. Così hanno dovuto fare anche altri Paesi, che prima non si rifornivano qui, alimentando il rialzo dei prezzi dei cereali ed è impossibile dire quando assisteremo a un calo".

 

In generale com’è il quadro dei raccolti?

“Per grano e orzo non ci sono elementi negativi, perché non temono l’assenza di acqua. Sono attesi grossissimi problemi, invece, sui raccolti di mais, girasole  e  soia per via della mancanza di piogge che persiste da mesi e per le quali le previsioni non lasciano spazio all’ottimismo. Questo per l’Italia, ma anche per l’Europa centrale. La siccità andrà a danneggiare anche i raccolti che si stanno sviluppando ora e, quindi, la situazione di crisi perdurerà”.

 

Verso quali mercati vi orienterete?

“Sicuramente verso l'Ucraina e il Brasile. È fondamentale che i corridoi per le navi cerealicole funzionino, anche se mi sorgono dei dubbi sulla capacità dei terminal ucraini: quanto sono stati danneggiati dalle bombe? Quanto tempo impiegheranno per essere operativi come prima del conflitto? Sicuramente dovremo aumentare l’import dal Brasile, sia per il mais che per i semi di soia. Navi che anche in questo caso scaleranno Ravenna”.

 

E per quanto riguarda i mercati americani?

I raccolti si stanno sviluppando adesso. C’è qualche timore per la siccità, che sembra in aumento. Per ora si stanno sviluppando bene”.


© copyright Porto Ravenna News

CONDIVIDI

Interviste ed Eventi

interviste / Giornata del Mare. Maltese: «È un invito del mare a partecipare al suo grande gioco»

Giornata del Mare. Maltese: «È un invito del mare a partecipare al suo grande gioco»

interviste / Piano Regolatore del Porto. Modimar e Seacon si sono aggiudicate la gara

Piano Regolatore del Porto. Modimar e Seacon si sono aggiudicate la gara

interviste / Silvestroni (Roca). «Pitesai bocciato? Un sollievo»

Silvestroni (Roca). «Pitesai bocciato? Un sollievo»

interviste / Rossi (AdSP): «Rigassificatore, porto di Ravenna primo hub energetico del Mediterraneo»

Rossi (AdSP): «Rigassificatore, porto di Ravenna primo hub energetico del Mediterraneo»

interviste / Compagnia Portuale. Grilli: «2023, un anno impegnativo»

Compagnia Portuale. Grilli: «2023, un anno impegnativo»

donelliviamarMacportBperAgmarConsar RavennaGrimaldiFedepilotiCasadei GhinassiAngopiRomagna AcqueColumbia TranspostAcmarSfacsIntercontinentalT&CExportcoopdragaggiCorship spaCassa di Risparmio di RavennaMartini VittorioCNA partiSecomarCompagnia Portuale RavennaCiclatConfcommercio RavennaTramacoFioreSpedizionieri internazionali RavennaNadepSersTCR ItalmetConfartigianato RavennaOlympiaArco LavoriServizi tecnico-nauticiLe Navi RavennaCSRSagem