sicurezza e cambiamento

Interviste

ravenna 12 febbraio 2023

Cirilli (Petrokan) Secomar e Ambiente Mare nell'orbita Itelyum

12 febbraio 2023 - ravenna - “La mia trattativa con Itelyum va avanti da diverso tempo e quindi non può essere inquadrata tra le acquisizioni che nell’ultimo periodo stanno interessando il porto di Ravenna, al pari di altri scali. In generale, la logistica è molto seguita da grandi gruppi e fondi, e i porti sono una componente importante della logistica. Il Pnrr ha messo a disposizione una mole di investimenti che fanno prefigurare un forte sviluppo della portualità con la previsione, connessa, di un aumento dei volumi movimentati. E chi ha liquidità da investire cerca porti destinati a crescere”. 

Manlio Cirilli guarda i movimenti che ci sono in porto e commenta l’operazione che si sta avviando al closing tra la sua Petrokan e Itelyum, leader nazionale e player internazionale nella gestione, riciclo e valorizzazione dei rifiuti, controllata dalle società di private equity Stirling Square e DBAG. 

Petrokan cederà la maggioranza di Secomar e di Ambiente Mare, manterrà una quota rilevante di partecipazione nelle due società e Manlio Cirilli conserverà "un ruolo di guida nella direzione e nella gestione del percorso di crescita".

“Grazie all’ingresso di Itelyum nella nostra compagine - spiega Cirilli - offriremo alla clientela soluzioni innovative su misura per rispondere a qualsiasi esigenza di gestione ambientale”.

Dopo tre significative operazioni compiute negli ultimi sette mesi è infatti in dirittura di arrivo l’acquisizione della partecipazione di maggioranza di Secomar Spa e di Ambiente Mare Spa. 

Con questa operazione Itelyum intende rafforzare la propria posizione nel settore dei rifiuti e della gestione ambientale nell’ambito portuale, dopo aver fatto acquisizioni anche nel porto di Trieste.

Entrambe le realtà operano in forte sinergia e, oltre a continuare a soddisfare tutte le esigenze di smaltimento e gestione ambientale dell'area portuale di Ravenna, diventeranno parte del sistema integrato Itelyum per offrire soluzioni circolari e sostenibili a tutti i comparti industriali e dei servizi nazionali. 

Il sistema sinergico creato da Secomar e Ambiente Mare rappresenta una partnership circolare unica in Italia: è, infatti, la sola stazione nazionale a poter ritirare e contestualmente trattare, in ambito portuale, partite di rifiuti liquidi combustibili costituiti da idrocarburi leggeri.

L’acquisizione delle società target si perfezionerà con il closing nei prossimi mesi. 

“Con queste ultime acquisizioni - ha commentato Marco Codognola, amministratore delegato e direttore generale di Itelyum - stiamo consolidando la strategia di crescita del Gruppo in Italia, replicando in nuove filiere industriali il nostro modello di sostenibilità e circolarità. 

Gestendo ogni giorno complessivamente più di 5.000 tonn. di rifiuti speciali, con oltre 1.200 dipendenti e 28 aziende distribuite sul territorio nazionale, ci stiamo configurando come player dalle caratteristiche uniche, con una gamma di servizi e soluzioni ampia e trasversale e una presenza diretta di personale qualificato, mezzi, attrezzature, impianti e tecnologie di riciclo all’avanguardia. In particolare il nostro ingresso nell’ambito portuale per la gestione ambientale nasce da un’analisi strategica dello sviluppo del sistema portuale italiano: nel 2022 il porto di Ravenna, infatti, ha movimentato 27,4 milioni di tonnellate, battendo il record dell’anno precedente”.

“Il sistema portuale italiano - commenta Marco Codognola, amministratore delegato e direttore generale di Itelyum - grazie agli investimenti previsti nei prossimi anni è al centro di un processo di crescita logistica ed economica. E’ necessario affiancare a questo sviluppo la tutela dell’ambiente nelle aree portuali e marittime, garantendo anche in questo ambito soluzioni sostenibili e il recupero delle risorse con elevati indici di circolarità’’. 

Manlio Cirilli controlla il Gruppo Petrokan che, oltre ad avere la partecipazione in Secomar e Ambiente Mare, controlla Italterminal, Navenna e Trasped.


© copyright Porto Ravenna News

CONDIVIDI

Interviste ed Eventi

interviste / Cozza (Cisl): «Dal porto di Ravenna 1 miliardo annuo allo Stato Ma alla carenza di organico della Dogana non pensano»

Cozza (Cisl): «Dal porto di Ravenna 1 miliardo annuo allo Stato Ma alla carenza di organico della Dogana non pensano»

interviste / Rossi (AdSP) “Gli investitori attratti dalla strategicità del nostro porto. Acceleriamo sull’escavo”

Rossi (AdSP) “Gli investitori attratti dalla strategicità del nostro porto. Acceleriamo sull’escavo”

interviste / Export con il nuovo Terminal Container un ruolo di primo piano

Export con il nuovo Terminal Container un ruolo di primo piano

interviste / La coesione del cluster portuale supererà ogni difficoltà

La coesione del cluster portuale supererà ogni difficoltà

interviste / Danzi (CZ Loko Italia).Il trasporto merci deve essere gestito in modo privatistico

Danzi (CZ Loko Italia).Il trasporto merci deve essere gestito in modo privatistico

TCR Romagna AcqueBperSfacsMartini VittoriodonelliCasadei GhinassiIntercontinentalSecomarSpedizionieri internazionali RavennaSersviamarCNA partiCassa di Risparmio di RavennaConsar RavennaFioreSagemServizi tecnico-nauticiExportcoopdragaggiItalmetMacportConfcommercio RavennaFedepilotiConfartigianato RavennaColumbia TranspostAgmarGrimaldiLe Navi RavennaCSRTramacoCompagnia Portuale RavennaAcmarCorship spaCiclatArco LavoriNadepOlympiaT&CAngopi