Il porto di Ravenna pronto a collaborare con Venezia e Trieste

Daniele Rossi: "L'Alto Adriatico unito potrà contrastare il Nothern Range"

Il porto di Ravenna pronto a collaborare con Venezia e Trieste
26/10/2017 - VENEZIA - Piena disponibilità del porto di Ravenna a stringere la collaborazione con gli altri scali del Nord Est, Venezia e Trieste.

Lo ha ribadito nel suo intervento agli Stati generali della logistica del Nord Est, il presidente dell'Adsp ravennate Daniele Rossi: “Occorre affrontare una nuova sfida: Con un disegno strategico complessivo, che indirizzi il Porto di Ravenna verso una nuova prospettiva competitiva. Il primo passo è rimarcare la Mission di riferimento del Porto di Ravenna: essere il porto del sistema economico dell’Emilia Romagna e uno dei gate logistici di riferimento del bacino industriale e di consumo del Nord Italia, correlando tutti i suoi progetti di sviluppo con l’esigenza di sostenere la crescita di tale territorio. Il disegno strategico complessivo del Porto di Ravenna persegue tre direttrici di sviluppo correlate che puntano a massimizzare l’efficacia delle principali leve competitive: infrastrutture, interconnessioni, capitale umano".

Il progetto di Hub Portuale di Ravenna si basa su una strategia di integrazione col territorio di riferimento e una Strategia di Bacino, l’Alto Adriatico. "Se vi è identità di vedute e obiettivi su questa visione di scenario e su questa direttrice strategica _ ha detto Rossi _ occorre partire da essa per definire un comune percorso di lavoro".

Sul fronte della DOMANDA: i nuovi traffici non andranno mai in un singolo porto: un sistema integrato potrebbe offrire più alternative . Si sono già fatte comuni iniziative ma il vero salto di qualità non è nel fare solo promozione assieme. Collaborazioni comunque possibili e auspicabili

Sul fronte dell’OFFERTA: i singoli porti del bacino non potranno autonomamente sostenere la sfida competitiva con i porti del Nothern Range. Serve una strategia integrata di sviluppo sul fronte dell’offerta infrastrutturale per colmare il gap nei collegamenti a terra e presentarsi come sistema integrato Reti di feederaggio di bacino. Occorrono sistemi logistici retroportuali interconnessi. Reti ferroviarie e stradali adeguate. Best practices sull’offerta di servizi

"Si potrebbe concordare il seguente piano di lavoro: selezionare gli interessi, individuando quelli comuni, su cui lavorare assieme da subito, e quelli specifici, da rendere coerenti e integrare. Individuare i punti di debolezza e i vincoli allo sviluppo e, in riferimento ad essi, i possibili ambiti di lavoro in comune, concordando azioni di sistema su vettori, infrastrutture, direttrici/mercati su cui investire e specializzarsi, ecc. e lanciare progetti integrati di sviluppo con il supporto delle Amministrazioni Regionali e sotto la guida e l’indirizzo del Ministero".


Porto Ravenna News

Agmar
Cassa di Risparmio di Ravenna
cmc
Spedizionieri internazionali Ravenna
Fiore
Corship spa
Exportcoop
CSR
Intercontinental
Coface
CNA Imprese
Martini Vittorio
Tramaco
Confartigianato Ravenna
Simap
T&C
Le Navi - Seaways
Columbia Transpost
Ciclat
Romagna Acque
Secomar
Consar Ravenna
Servizi tecnico-nautici
Avvisatore Marittimo
CNA Ravenna
Compagnia Portuale Ravenna
Sers
Casadei Ghinassi
Macport
TCR
Banca Popolare di Ravenna