Il Nordest punta su una holding per le autostrade

Veneto, Friuli e le Province di Trento e Bolzano pensano a un nuovo modello gestionale

Il Nordest punta su una holding per le autostrade
19/08/2018 - VENEZIA - Alla “prepotente voglia” di Cinque Stelle e Lega di riportare in mano pubblica le grandi infrastrutture italiane, a cominciare proprio dalle autostrade, le Regioni del Nord Est rispondono rilanciando un’idea del governatore del Veneto, Luca Zaia, pronto a offrire un progetto che eviterebbe anche gli strali dell’Ue contraria alle ri-nazionalizzazioni.
Come riferisce oggi il Corriere del Veneto, Zaia da tempo pensa alla creazione di una grande holding autostradale del Nordest che renda le Regioni Veneto e Friuli Venezia Giulia e le Province di Trento e Bolzano protagoniste della gestione delle reti nel loro territorio.

Il Corriere riporta una dichiarazione del governatore Zaia di inizio giugno: “Si deve dar vita alla holding autostradale del Nordest. Abbiamo delle infrastrutture gestite da Autovie e in questo caso il Friuli Venezia Giulia è il socio controllore e di riferimento, ma poi ci sono Cav, il Passante di Mestre e molto altro ancora su cui possiamo ragionare. Senza dimenticare che la Regione Veneto è la concedente della Pedemontana”.

Successivamente Zaia è tornato sull’argomento affermando che “l’unica soluzione che vedo, per il tema delle autostrade, è fare una holding del Nordest con Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige: abbiamo in mano importanti pezzi di autostrada e possiamo lavorare su questi. Il pubblico non deve entrare nella partita per fare business e massacrare gli utenti con le tariffe: il nostro deve essere un ruolo di garanzia per il territorio. Potremmo condividere le strategie e creare importanti economie di scala”.

Certo “la strada è lunga, lunghissima – scrive il Corriere - ma non si parte da zero, un veicolo c’è già e si chiama Società autostrade Alto Adriatico spa. Nata dalle delibere delle Giunte di Veneto e FVG nel marzo scorso, ha 6 milioni di capitale interamente sottoscritto dalle due Regioni (un terzo dal Veneto, due terzi dal FVG), un amministratore unico e un comitato d’indirizzo pubblico.

Successivamente la newco potre estendersi a Cav, la società che gestisce il Passante, la Tangenziale di Mestre e la A57. Per non parlare della Modena-Brennero.

Prossimo appuntamento a fine settembre, quando si riuniranno i vertici delle Regioni del Nord Est per darsi una strategia comune.





Porto Ravenna News

Ciclat
Tramaco
Servizi tecnico-nautici
Le Navi - Seaways
Corship spa
Agmar
Cassa di Risparmio di Ravenna
Avvisatore Marittimo
CNA Imprese
Sers
T&C
Intercontinental
Compagnia Portuale Ravenna
Banca Popolare di Ravenna
Martini Vittorio
CSR
Romagna Acque
Fiore
Macport
cmc
Spedizionieri internazionali Ravenna
Confartigianato Ravenna
CNA Ravenna
TCR
Coface
Exportcoop
Secomar
Columbia Transpost
Simap
Casadei Ghinassi
Consar Ravenna