Sapir e cluster intermodale ER premiati da Assologistica

La cerimonia si è tenuta oggi a Milano. Il presidente Gentile: "Ecco le nuove sfide"

08 novembre 2019 - milano - Sapir e le imprese del cluster intermodale della regione Emilia-Romagna figurano tra i vincitori dei premi promossi da Assologistica (presidente è Andrea Gentile) nell'ambito dell'evento 'Il Logistico dell'anno', giunto alla 15° edizione.
La cerimonia di assegnazione dei premi si è svolta oggi a Milano, nell’auditorium Giò Ponti di Assolombarda.

“Senza innovazione non c’è progresso sociale, non un progresso tout court, ma un progresso che investe la società e quindi tutti noi, facendoci andare avanti nel fare impresa in modo utile, serio e, perché no, anche creativo”, ha esordito così il presidente Gentile nell’introdurre i lavori della mattina, che - accanto all’assegnazione degli awards - ha visto svolgersi un interessante e molto seguito convegno sui trend in atto nel settore dal titolo “Orizzonti e sfide della Logistica di oggi e di quella che verrà”. Nel corso del meeting si è discusso dei nuovi paradigmi economico-politici che condizionano anche il nostro mondo, di come stia cambiando il modo di lavorare in logistica a seguito della 4a rivoluzione industriale, di quanto una green logistics sia un valore e non solo un costo per la catena di fornitura. E poi ancora al centro del convegno i temi cruciali del 4.0, della blockchain e degli ITS, allargando quindi gli orizzonti anche a quanto sta accadendo in alcune startup logistiche in giro per il mondo.

Nel commentare i premi, Gentile ha aggiunto: “Quest’anno sono aumentate significativamente le candidature in ambiti quali la Formazione e la Responsabilità Sociale d’Impresa, a testimonianza di come il nostro settore sia sensibile al “fattore” umano, “fattore” senza il quale qualsiasi progresso tecnologico risulta svuotare il senso stesso del progresso, che è tale solo se è al servizio della persona. Il convengo di oggi ha inteso fornirci tanti punti di vista, tanti flash illuminanti su quello che di nuovo sta accadendo nel nostro settore e su quello che ci riserva il futuro, consapevoli di come il cambiamento sia connaturato al mondo imprenditoriale, anche logistico, perché - come diceva Winston Churchill - “Non sempre cambiare equivale a migliorare, ma per migliorare bisogna cambiare”.

Ecco i progetti di Sapir e cluster intermodale dell'Emilia Romagna.

PORTO INTERMODALE RAVENNA – S.A.P.I.R.
Innovazione in AMBITO TECNOLOGICO
MODERNO PERCORSO DI EFFICIENTAMENTO DELL’ORGANIZZAZIONE AZIENDALE
Nel 2018 in S.A.P.I.R. è stata avviata un’attività di analisi dei processi aziendali al fine di indagare le possibilità di efficientamento attraverso il riesame dei processi in termini organizzativi e ricercando le soluzioni tecnologicamente più idonee. Tale percorso è funzionale a condurre l’azienda, nell’arco di alcuni di anni, verso un’informatizzazione particolarmente marcata ed avanzata rispetto al panorama della portualità italiana.
Gli elementi di miglioramento sui quali si è deciso di lavorare sono stati: 1) revisione completa delle attività che attualmente sono già processate da programmi informatici ormai obsoleti e non più adeguati alle metodiche lavorative attuali con conseguenti diseconomie in termini di tempo, efficienza e risorse impiegate; 2) scomposizione ed analisi delle attività dei singoli reparti, non adeguatamente supportate a livello tecnologico, al fine di determinare dati omogenei in ingresso e in uscita con l’obiettivo di creare una struttura informatica funzionale a prevenire l’imputazione e l’elaborazione di medesimi dati da più utenti, oltre che l’aggregazione dei dati stessi con metodiche non sempre organizzate e coordinate per una precisa finalità; 3) revisione del sistema di accreditamento e, successivamente, di accesso alle aree operative del terminal con la duplice finalità di migliorare la rispondenza ai requisiti cogenti in termini di security e safety, snellendo ed ottimizzando l’attività svolta presso l’ufficio accettazione del Terminal; 4) riesame e completa informatizzazione delle procedure di coordinamento e di gestione delle interferenze, relativamente alle operazioni di imbarco/sbarco, nei confronti dell’impresa (ex art.17 Legge 84/94) e del Comando Nave. A livello infrastrutturale e organizzativo, le tematiche sopra indicate sono sviluppate attraverso sistemi informativi flessibili e integrabili (un’unica piattaforma gestionale) e gestite attraverso soluzioni hardware e software mirate alle esigenze aziendali di efficientamento, coinvolgendo gli aspetti di miglioramento della sicurezza fisica attiva sui mezzi operativi ed organizzativa, attraverso la realizzazione di software specifici di governo dei processi particolarmente impattanti sui requisiti cogenti. Inoltre l’informatizzazione prevede l’introduzione di procedure sistemiche e di controllo dei nuovi processi e dei nuovi strumenti operativi così come una specifica formazione del personale, nonché un aumento delle competenze per la gestione dei processi e degli strumenti tecnologici/informatici individuati.

ER.I.C EMILIA-ROMAGNA INTERMODAL CLUSTER
Innovazione in AMBITO FORMATIVO
CORPORATE ACADEMY DI RETE PER L’INNOVAZIONE E LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE IN AMBITO LOGISTICO-INTERMODALE
Le imprese del cluster intermodale della regione Emilia-Romagna hanno promosso, attraverso la costituzione di una Corporate Academy di rete, inediti percorsi formativi gratuiti. Si tratta di due percorsi formativi, un primo corso di alta formazione per Intermodal Terminal Manager, che è parte delle iniziative di qualificazione del sistema delle competenze in ambito logistico e intermodale e vuole essere una concreta opportunità per generare nuovi profili professionali da inserire presso le imprese dei nodi intermodali della regione Emilia-Romagna. L’Intermodal Terminal Manager è una figura manageriale con conoscenze e capacità in ambito logistico, infrastrutturale, intermodale e che opera all’interno dello staff direzionale in realtà complesse (interporti, scali intermodali, hub o strutture logistiche complesse) supportando la gestione dell’infrastruttura e lo sviluppo tecnico commerciale dei servizi di trasporto intermodali. Vi è poi un secondo corso di formazione, sempre gratuito, per Terminal Operator, figura professionale capace di gestire la configurazione delle attività e la composizione delle pratiche di trasporto e spedizione, la documentazione e la gestione operativa del terminal e del magazzino, le operazioni di preparazione e movimentazione dei convogli ferroviari.

Elenco dei premiati:

https://tinyurl.com/y27vj3wn


 

Presentazione dei progetti premiati:

https://tinyurl.com/yxwqmofu





© copyright Porto Ravenna News

Altro da:
Trasporti, Logistica

ravenna / Impiantistica offshore, nuovo imbarco alla Sapir

Un sistema j-lay prodotto dalla F.lli Righini destinato alla Gran Bretagna

roma / "Il Milleproroghe occasione per chiudere diversi dossier"

Migliorelli (Confetra) su investimenti porti, infrastrutture, taglio alla burocr ...

venezia / Zona logistica semplificata per Venezia e Rovigo

Il provvedimento contenuto nella Legge di Bilancio

REM 2020

Interviste ed Eventi

interviste / Ottolenghi (Confindustria): “L'aumento dell'Ires del 3,5% avvilisce le categorie interessate”

interviste / Nicolini (Confetra): "Agorà 2019 con il ministro De Micheli"

interviste / Maioli (Dinazzano Po): “Ferrobonus, il contributo che rilancia il treno”

interviste / Masucci: “Con il Fondo F2i pronti a rafforzare il sistema delle infrastrutture portuali”

interviste / Mazzotti (LegaCoop): “Gara d'appalto Progetto Hub, le nostre Coop pronte a partecipare”

NadepFioreConsar RavennaColumbia TranspostMacportIntercontinentalSersRomagna AcqueSfacsExportcoopCNA ImpreseLe Navi - SeawaysCasadei GhinassiambienteBanca Popolare di RavennaCiclatTramacoCNA RavennaErmareT&CCassa di Risparmio di RavennaAgmarcz lokoMartini VittorioServizi tecnico-nauticiSecomarBperCSRCompagnia Portuale RavennaviamarSpedizionieri internazionali RavennaSimapTCR AngopiConfartigianato RavennaCorship spa